Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2011 August;63(4) > Minerva Ginecologica 2011 August;63(4):333-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Ginecologica 2011 August;63(4):333-8

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Analisi degli indici Doppler della regione intra-addominale e della porzione libera della arteria ombelicale: l’importanza della scelta

Arduini M., Luzi G., Affronti G., Epicoco G.

Unit of Obstetrics and Gynecology, S. Maria della Misericordia Hospital, Perugia, Italy


PDF


Obiettivo. Scopo di questo studio era valutare le variazioni degli indici Doppler dalla regione intra-addominale (intra-abdominal portion, IAP) alla porzione libera (free loop portion, FLP) dell’arteria ombelicale (umbilical artery, UA).
Metodi. Sono stati comparati velocità di picco sistolico (peak systolic velocity, PSV) e diastolico, indice di pulsatilità (pulsatility index, PI) e di resistenza (resistance index, RI), PS/ED ratio e valore delta (Δ) sono stati calcolati in IAP e FLP in 100 gravidanze a basso rischio.
Risultati. PI e RI sono costantemente superiori nella regione intra-addominale. La PSV è statisticamente superiore in IAP fino alla 36° settimana. Non si evidenziano differenze significative nella velocità di flusso diastolico tra i due siti di campionamento. Δ PI rimane costantemente superiore ~0,2 in IAP
Conclusioni. Gli indici Doppler utilizzati per la valutazione del benessere fetale variano significativamente nei differenti siti di campionamento della arteria ombelicale. La porzione intra-addominale è più facilmente riproducibile; questo potenziale vantaggio dovrebbe essere considerato principalmente nei casi ad elevato rischio (IUGR e/o gravidanze gemellari monocoriali) in cui vengono effettuati controlli flussimetrici longitudinali.

inizio pagina