Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2007 October;59(5) > Minerva Ginecologica 2007 October;59(5):513-27

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Ginecologica 2007 October;59(5):513-27

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Trattamento adiuvante in donne giovani con tumore della mammella

Balduzzi A., Cardillo A., D’Alessandro C., Colleoni M.

Research Unit in Medical Senology, European Institute of Oncology, Milan, Italy


PDF


L’incidenza di tumore della mammella in donne giovani con età inferiore a 35 anni è rara. I dati attualmente disponibili in letteratura dimostrano che un tumore mammario diagnosticato in età giovanile ha una prognosi peggiore, ciò è probabilmente dovuto a una maggiore aggressività della malattia. Sebbene si sia a conoscenza dell’effetto sostanziale di un trattamento chemioterapico precauzionale per pazienti in premenopausa, recenti evidenze hanno dimostrato che giovani donne con età inferiore a 35 anni, con tumore mammario endocrinoresponsivo hanno un rischio maggiore di recidiva rispetto a donne in premenopausa ma con età superiore. Mentre, pazienti in premenopausa con malattia non endocrinoresponsiva presentano un simile “outcome” indipendentemente dall’età. Tre differenti studi condotti da tre gruppi di ricerca (NSABP, ECOG, SWOG) su donne con tumore mammario trattate con la sola chemioterapia, hanno dimostrato un’importante interazione tra l’età e lo stato dei recettori steroidei. È importante focalizzare l’attenzione sulla ricerca di strategie terapeutiche innovative, come per esempio l’associazione di inibitori della funzionalità ovarica con altri agenti endocrini (ad esempio il tamoxifene) per pazienti con malattia endocrinoresponsiva. Mentre per pazienti con tumore mammario non endocrinoresponsivo, è necessario orientare le ricerche sulla durata, l’intensità e l’inizio del trattamento chemioterapico. Per permettere un progresso significativo nel trattamento adiuvante di questa popolazione è fondamentale realizzare al più presto studi clinici specifici su donne giovani con diagnosi di tumore mammario.

inizio pagina