Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2007 April;59(2) > Minerva Ginecologica 2007 April;59(2):159-74

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Ginecologica 2007 April;59(2):159-74

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Infezioni virali in gravidanza

Haun L., Kwan N., Hollier L. M.

University of Texas Houston Medical School, Houston, TX, USA


PDF


Le infezioni virali sono complicanze comuni della gravidanza e, in alcuni casi, possono determinare effetti profondi sul feto. La famiglia degli herpes virus che colpiscono l’uomo è composta da virus a DNA capsulati e di grandi dimensioni dotati di una notevole somiglianza strutturale. Tale famiglia include i virus herpes simplex di tipo 1 e 2, il virus varicella zoster, il virus di Epstein Barr, il citomegalovirus (CMV) e gli herpes virus di tipo 6, 7 e 8. Questi virus condividono la capacità di stabilire un’infezione latente e di riattivarsi successivamente. Anomalie strutturali fetali possono derivare dall’infezione intrauterina e la trasmissione dell’infezione durante la gravidanza o al momento del parto può determinare importanti patologie neonatali. Il virus a DNA parvovirus B19 è dotato di un forte tropismo per i progenitori eritropoietici e l’infezione durante la gravidanza può determinare lo sviluppo di idrope fetale e morte del feto. Gli agenti responsabili di epatiti sono i virus epatotropi dell’epatite A, B, C, D (delta) ed E. Con l’eccezione del virus B, essi sono tutti virus a RNA. La trasmissione materno-fetale dell’epatite B e C può determinare significative sequele a lungo termine.

inizio pagina