Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2006 February;58(1) > Minerva Ginecologica 2006 February;58(1):35-40

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Ginecologica 2006 February;58(1):35-40

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Cardiovasculopatia dopo la menopausa: un’epidemia in crescita

Alexander J., Clearfield M.

University of North Texas, Health Science Center, TX, USA


PDF


La coronaropatia resta la causa principale di morte nelle donne in post-menopausa. Con la menopausa i fattori di rischio cambiano e aumentano la probabilità di sviluppare coronaropatia. Sebbene la terapia ormonale sostitutiva migliori alcuni di questi fattori di rischio, non è stato evidenziato alcun beneficio globale sull’apparato cardiovascolare derivante da questa terapia. Vi sono due epidemie parallele tra le donne in post-menopausa, una è rappresentata dalla cardiovasculopatia, l’altra dalla sindrome metabolica e sembra esservi una connessione tra di loro. E’ stato suggerito che fattori di rischio metabolici quali l’aumento dei livelli dei trigliceridi, la diminuzione dei livelli di colesterolo HDL e le anormalità della glicemia abbiano nelle donne un maggior valore predittivo di rischio di coronaropatia rispetto ai maschi. Anche un marcatore dell’infiammazione, la proteina C reattiva, sembra modificare il rischio a tutti i livelli della sindrome metabolica. Per poter stabilire la miglior strategia per contrastare l’epidemia della morbilità e mortalità cardiovascolare nella popolazione in post-menopausa sono necessari ulteriori studi.

inizio pagina