Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2004 April;56(2) > Minerva Ginecologica 2004 April;56(2):161-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Minerva Ginecologica 2004 April;56(2):161-6

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Valutazione ecografica del timing nel cerchiaggio cervicale d’emergenza

Croce P., Lombardo R., Vernich M.


PDF


L'obiettivo di questo lavoro è stato quello di utilizzare l'esame ecografico endovaginale come strumento per stabilire il momento più opportuno per procedere al cerchiaggio cervicale, dopo aver interrotto le contrazioni uterine in una situazione di avanzato travaglio abortivo.
Una paziente a 20 settimane e 4 giorni di gestazione, con contrazioni, membrane integre e dilatazione completa, è stata allettata in posizione Trendelemburg, mantenendo la vescica urinaria moderatamente piena ed è stata trattata con terapia tocolitica. Dopo 14 giorni si è praticato il cerchiaggio su un collo ricostituito.
La paziente ha partorito, a 37 settimane e 1 giorno, un neonato di sesso femminile di 3 100 g.
In conclusione, la posizione di Trendelemburg, la vescica urinaria moderatamente piena e la terapia tocolitica con il monitoraggio ecografico endovaginale possono far spostare il momento chirurgico in modo da renderlo più sicuro e utile ai fini prognostici.

inizio pagina