Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 1999 September;51(9) > Minerva Ginecologica 1999 September;51(9):355-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

NOTE DI TECNICA   

Minerva Ginecologica 1999 September;51(9):355-8

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Utilizzazione del TVT (Tension-free Vaginal Tape) nel trattamento dell’incontinenza urinaria femminile da sforzo (Risultati preliminari)

Primicerio M., De Matteis G., Montanino Oliva M., Marceca M., Alessandrini A., Caviezel P., Tocci A.


PDF


Obiettivo. Il TVT (Tension-free Vaginal Tape) è una delle tecniche di più recente adozione nel trattamento dell'incontinenza urinaria femminile da sforzo. I numerosi interventi chirurgici proposti per la correzione dell'incontinenza urinaria femminile spesso non sono sufficienti a determinare una completa risoluzione della patologia; dai dati disponibili in letteratura il TVT sembra rappresentare un metodo efficace e innovativo per la cura dell'incontinenza urinaria.
Metodi. Sono state selezionate 29 pazienti affette da incontinenza urinaria da sforzo (IUS) di I-II grado e sottoposte a posizionamento di un dispositivo a nastro in prolene (TVT) al di sotto dell'uretra, al fine di ripristinare la continenza urinaria. La procedura è stata effettuata in anestesia peridurale.
Risultati. Una completa remissione della sintomatologia si è ottenuta in 24 pazienti. Delle 4 pazienti in cui non si è ottenuta una completa remissione della sintomatologia in 2 si è comunque riscontrato un miglioramento dei disturbi legati all'incontinenza, mentre nelle restanti 2 è residuata un'instabilità detrusoriale secondaria. In un caso è stata accidentalmente lesionata la vena iliaca esterna necessitando di un intervento chirurgico riparatore.
Conclusioni. La brevità dei tempi di esecuzione, unitamente alla notevole riduzione della degenza e quindi dei costi, rendono la procedura ben accettata dalle pazienti e dagli operatori; inoltre la possibilità di effettuare l'intervento in anestesia periferica consente di usufruire della collaborazione della paziente. In ogni caso la metodica pur essendo relativamente facile non è scevra da rischi come dimostra la grave complicanza da noi riportata.

inizio pagina