Home > Riviste > Minerva Forensic Medicine > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2015 December;135(3-4) > Minerva Medicolegale 2015 December;135(3-4):35-45

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

ORIGINAL ARTICLES   

Minerva Medicolegale 2015 December;135(3-4):35-45

Copyright © 2016 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Cani da cadavere, “dispositivo biologico specializzato” nell’individuazione di tracce ematiche latenti sulla scena del crimine. Da mito a prova scientifica

Rendine M., De Carlo D., Cantatore S., Fiore C., Neri M., Riezzo I.

Sezione Dipartimentale di Medicina Legale, Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi di Foggia, Ospedale Colonnello D’Avanzo, Foggia, Italy


PDF


OBIETTIVO: Il canis lupus familiaris, grazie alle peculiari caratteristiche olfattive, è impiegato, ormai da decenni, da parte delle forze dell’ordine, a fini di rilevazione di una vasta gamma di sostanze (esplosivi, polveri da sparo, stupefacenti, ecc). In ambito forense, cani opportunamente addestrati al rinvenimento e segnalazione di resti umani cadaverici o di matrici biologiche cadaveriche non visibili ad occhio nudo, possono essere di notevole ausilio. Il presente lavoro si è proposto di studiare, e validare con rigore scientifico, un protocollo di addestramento di unità cinofile specializzate per la ricerca, localizzazione e segnalazione di tracce ematiche cadaveriche latenti.
METODI: Sono stati utilizzati due Labrador Retriever. Lo studio è stato condotto per sedici mesi, con circa 200 ore di simulazione e 6240 rilevazioni, all’interno di una stanza adeguatamente attrezzata. È stato utilizzato il sangue di quattro soggetti deceduti per cause traumatiche, raccolto in provette sterili e VOCs free. La prima fase dell’addestramento ha riguardato la capacità dei due cani di detenere l’odore target e segnalarne la presenza a concentrazioni sempre decrescenti. Nella seconda fase sono stati introdotti fattori confondenti.
RISULTATI: Lo studio ha consentito di rilevare la reale efficacia di cani addestrati all’individuazione di sangue cadaverico umano anche in concentrazioni molto basse. I test condotti hanno mostrato una buona capacità di discriminazione del sangue cadaverico umano anche in abbinamento a fattori confondenti in elevate concentrazioni (accuratezza olfattiva).
CONCLUSIONI: L’utilizzo dei cani in tale ambito richiede necessariamente la standardizzazione di procedure di addestramento in modo da giungere a “certificare” per questo dispositivo biologico specializzato lo stesso rigoroso livello di affidabilità e riproducibilità richiesto per tutte le metodiche di indagine in ambito forense, attraverso un percorso di addestramento ottimizzato e rigorosamente controllato, mediante la valutazione della sensibilità olfattiva, della capacità di discriminazione olfattiva e della accuratezza olfattiva.

inizio pagina