Home > Riviste > Minerva Forensic Medicine > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2002 June;122(2) > Minerva Medicolegale 2002 June;122(2): 73-80

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

REVIEW   

Minerva Medicolegale 2002 June;122(2): 73-80

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il reato d’impeto tra stati emotivi e passionali e vizio di mente. La posizione della Giurisprudenza sul tema

Ritella M., Barbieri C.


PDF


Quale trattamento giuridico per il reato d'impeto? È questo il problema affrontato dagli Autori nel presente scritto, con un'attenzione particolare alle soluzioni della Giurisprudenza.
La tipologia di disturbo psichico presupposta dal reato d'impeto ha natura transitoria e «di confine» fra il mero stato di sovraeccitazione emotiva e l'infermità di mente vera e propria, il che si traduce ‹ sul piano normativo ‹ in un richiamo congiunto agli artt. 90 e 88 (o 89) c.p., con conseguenze diametralmente opposte in tema di imputabilità.
Muovendo da tale assunto, gli Autori ricostruiscono i risultati dell'applicazione giurisprudenziale relativa al fenomeno in esame e ne vagliano la compatibilità con il nostro diritto positivo. Al termine dell'analisi, vengono prospettate le soluzioni alternative, sia in rapporto all'attuale impianto normativo sia (più agevolmente) de iure condendo.

inizio pagina