Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2001 December;26(4) > Minerva Endocrinologica 2001 December;26(4):263-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  NUOVE STRATEGIE DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE: GLI ANALOGHI DELLA SOMATOSTATINA. Parte II 

Minerva Endocrinologica 2001 December;26(4):263-8

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Ruolo del chirurgo nel trattemento del carcinoma polmonare a piccole cellule

Pastore V., Santini M., Vicidomini G., D’Aniello G., Fiorello A., Parascandolo V.


PDF


L'intervento chirurgico nell'ambito della programmazione terapeutica del microcitoma polmonare (SCLC) non ha mai avuto una posizione precisa e ben consolidata.
La strategia terapeutica consolidata associa un trattamento locale (radioterapia) ad un trattamento generale (chemioterapia).
Nelle forme limitate e periferiche trova indicazione precisa l'exeresi seguita da polichemioterapia intensiva.
La scintigrafia con octreotide potrebbe servire per lo screening iniziale dei pazienti con malattia diffusa.
L'intervento chirurgico trova un altro piccolo spazio nel trattamento dei focolai neoplastici, residuati alla chemioterapia.
In alcuni casi, l'applicazione di una metodica radioguidata che, previa iniezione endovenosa di octreotide radiomarcato, consente di rilevare intraoperatoriamente con una sonda manuale l'accumulo di tale analogo della somatostatina nei foci neoplastici, potrebbe aiutare il chirurgo a verificare la radicalità dell'intervento.
L'octreotide, inoltre, può essere utilizzato anche come agente farmacologico radioterapico oppure per aumentare l'efficacia del trattamento chemioterapico nei microcitomi e negli altri tumori polmonari a differenziazione neuroendocrina.

inizio pagina