Home > Riviste > Minerva Dental and Oral Science > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2015 June;64(3) > Minerva Stomatologica 2015 June;64(3):117-28

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Stomatologica 2015 June;64(3):117-28

Copyright © 2015 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Modifiche del “denture frame” in pazienti affetti da III classe scheletrica trattati con ERP e maschera facciale: studio prospettico controllato

Migliorati M. 1, Signori A. 2, Isaia L. 1, Menini A. 1, Rubiano R. 3, Aonzo E. 1, Silvestrini Biavati A. 1

1 Orthodontics Department, Genoa University School of Dentistry, Genoa, Italy; 2 Department of Health Sciences, Section of Biostatistics, Genoa University, Genoa, Italy; 3 Turin University, Turin, Italy


PDF


OBIETTIVO: Lo scopo di questo studio prospettico controllato è stato quello di analizzare a breve termine i risultati cefalometrici del trattamento, in accordo con le analisi del denture frame proposte da Sato, grazie all’espansore rapido (ERP) e la terapia con maschera facciale (MF).
METODI: Un gruppo di 21 pazienti con malocclusione di classe III trattato on ERP e MF (TG) è stato comparato con un gruppo controllo non trattato (CG). L’età media di trattamento è stata di 8,8 anni; la terapia è consistita in 4 settimane di attivazione (0,20 mm/die) seguite da 14 ore giornaliere di MF per una media di 333,1 giorni. Come CG sono stati usati quelli pubblicati da Tanaka & Sato. I valori cefalometrici pre- e post-trattamento sono stati comparati ed analizzati statisticamente con un t-test. È stato considerato statisticamente significativo un valore di P<0,05.
RISULTATI: Per quasi tutti i parametri le differenze tra i valori pre- e post-trattamento sono risultate significativamente diverse rispetto a quelle osservate nel CG. Per quanto riguarda i valori del piano occlusale convenzionale (POC) è stata rilevata una differenza rispetto al gruppo di controllo ma questo non è statisticamente significativo (P=0,067) mentre per il piano occlusale anteriore (POA) nessuna differenza è stata osservata.
CONCLUSIONI: Questo studio ha rivelato un incremento dell’angolo intermascellare durante il trattamento con MF e ERP, un aumento nell’inclinazione del piano occlusale posteriore rispetto il piano di Francoforte e un adattamento postero-inferiore della mandibola.

inizio pagina