Home > Riviste > Minerva Dental and Oral Science > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2008 March;57(3) > Minerva Stomatologica 2008 March;57(3):133-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

CASI CLINICI   

Minerva Stomatologica 2008 March;57(3):133-7

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Trattamento chemioterapico e chirurgico della fibromatosi sottomandibolare: descrizione di un caso clinico

Otmani N. 1, Lamalmi N. 2, Khattab M. 1

1 Department of Pediatric Hemato-oncology Children’s Hospital, Rabat, Morocco 2 Department of Anatomic Pathology Children’s Hospital, Rabat, Morocco


PDF


Le fibromatosi rappresentano un ampio gruppo di proliferazioni del tessuto fibroso derivanti dalle strutture muscoloaponeurotiche. A causa del comportamento localmente aggressivo e dell’alto tasso di recidiva di questi tumori, sono state suggerite diverse opzioni di trattamento ma tuttora non si ha ancora a disposizione una terapia ottimale per queste patologie. Questo lavoro descrive un caso di fibromatosi infantile della regione sottomandibolare, trattato con successo mediante un approccio multidisciplinare che ha previsto l’utilizzo della chemioterapia e della chirurgia. Viene descritto il caso di un soggetto di sesso femminile di tre anni di età che ha sviluppato nell’arco di sei mesi una massa sottomandibolare in continuo accrescimento. Il tumore era clinicamente aggressivo, provocava erosione ossea e invasione dei tessuti molli circostanti. La diagnosi di fibromatosi infantile è stata posta sulla base dei risultati delle indagini istologiche e immunoistochimiche. La completa remissione è stata ottenuta in 30 mesi con un trattamento combinato, basato su una chemioterapia a “basso dosaggio” con vinblastina e metotrexate e con l’intervento chirurgico. La gestione delle fibromatosi infantili del capo e del collo necessita di un approccio specifico. Il trattamento combinato tra chemioterapia e intervento chirurgico di tipo conservativo (non mutilante) sembra avere la massima potenzialità di cura.

inizio pagina