Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2005 December;60(6) > Minerva Chirurgica 2005 December;60(6):431-44

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Chirurgica 2005 December;60(6):431-44

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Esophageal cancer surgery in 2005

Wright C. D.


PDF


La chirurgia per le neoplasie dell'esofago riamane la strategia di riferimento nelle fasi precoci della malattia. Il trattamento di lesioni locoregionali più avanzate è ancora controverso. Le strategie per migliorare la sopravvivenza negli stadi più avanzati comprendono l'utilizzo della chemioterapia da sola o in combinazione con l'intervento, terapia adiuvante o di induzione associata alla resezione ed interventi di resezione più radicali con asportazione in blocco e/o asportazione di tre piani linfonodali. L'attuale approccio all'esofagectomia nel singolo paziente è controverso ed in molti casi dipendente dal chirurgo o dalla struttura presso cui si esegue l'intervento. A tale riguardo ci sono pochi studi su vasta scala e studi randomizzati di riferimento per guidare il trattamento chirurgico delle neoplasie esofagee. A dispetto di numerosi aspetti differenti dell'assistenza al malato non è stato raggiunto da chirurghi un punto di vista comune. C'è una evidenza sempre maggiore che la cura dei pazienti che devono essere sottoposti ad un intervento di esofagectomia deve essere eseguita presso una struttura e da un chirurgo con una esperienza su alti volumi

inizio pagina