Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2003 June;58(3) > Minerva Chirurgica 2003 June;58(3):389-92

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Minerva Chirurgica 2003 June;58(3):389-92

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Postoperative chylous ascites after radical gastrectomy. A case report

Halkic N., Abdelmoumene A., Suardet L., Mosimann F.


PDF


L'ascite chilosa postoperatoria costituisce una classica, seppur infrequente, complicanza dopo dissezione ampia eseguita in sede retroperitoneale o in prossimità della radice del mesentere, con un'incidenza compresa fra l'1, 2 e il 3%. Solo 6 casi di ascite chilosa sono stati descritti dopo interventi di vagotomia tronculare e piloroplastica per ulcera peptica e 1 solo dopo gastrectomia. In questo lavoro viene descritto il secondo caso di ascite chilosa insorta dopo gastrectomia distale tipo D2. Una paziente 56enne venne sottoposta a gastrectomia distale tipo D2 con gastro-duodenostomia e omentectomia per un adenocarcinoma mediamente differenziato a sede prepilorica in stadio T1N0M0. La paziente fu trattata in maniera conservativa mediante nutrizione parenterale e una dieta priva di lipidi. Prima della XV giornata postoperatoria il liquido riacquistò aspetto sieroso e la sua produzione cessò di lì a poco. Il drenaggio venne rimosso in XX giornata. Alla ripresa della normale alimentazione per via orale non si ebbe alcuna recidiva dell'ascite chilosa. La terapia conservativa si è dimostrata efficace in questo caso, così come è avvenuto nel 60% circa dei casi descritti in Letteratura e rimane il trattamento di prima scelta.

inizio pagina