Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2002 August;57(4) > Minerva Chirurgica 2002 August;57(4):457-60

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Chirurgica 2002 August;57(4):457-60

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La plastica di Trabucco per il trattamento delle ernie inguinali. La nostra esperienza di 6 anni

Cucci M., De Carlo A., Di Luzio P., Masella M., Casciani E., D’Amico G.


PDF


Obiettivo. L'introduzione delle protesi in polipropilene e delle nuove metodiche «tension-free» per il trattamento delle ernie inguinali, ci hanno spinto ad adottare nell'agosto 1994 la plastica secondo Trabucco.
Metodi. Fino ad aprile 2001 sono stati effettuati 983 interventi per ernia inguinale in 825 pazienti, 984 dei quali con tecnica di Trabucco.
Risultati. Le complicanze minori (ematomi, sieromi, algie inguino-crurali) sono state 42 (5,1%), non si sono avute infezioni della ferita, mentre le recidive sono state 3 (0,36%), una trattata in un altro ospedale e 2 non operate perché di piccole dimensioni e non particolarmente fastidiose per i pazienti, che tuttavia vengono tenuti sotto stretta sorveglianza.
Conclusioni. Nonostante il follow-up limitato nel tempo, possiamo ritenerci soddisfatti dei risultati a breve termine che dimostrano la superiorità della metodica di Trabucco rispetto alle tecniche tradizionali sia in termini di degenza postoperatoria e di recupero funzionale, sia per quanto riguarda la recidiva erniaria precoce.

inizio pagina