Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2001 February;56(1) > Minerva Chirurgica 2001 February;56(1):101-10

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Minerva Chirurgica 2001 February;56(1):101-10

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il tumore del glomo carotideo (Presentazione di un caso clinico e revisione della letteratura)

Pisanu A., Cois A., Uccheddu A., Cagetti M.


PDF


Il tumore del glomo carotideo è una rara neoplasia, poco più di 1000 casi in letteratura, sporadico nel 90% dei casi, che interessa l'età media senza prevalenza di sesso. Esso può essere misconosciuto se non si ha il sospetto della sua presenza. Se l'ecografia ed il color-Doppler precisano sede intercarotidea e natura vascolare della massa, e l'angio-TC definisce estensione e rapporti spaziali, il «gold standard» diagnostico è l'angiografia carotidea che evidenzia i segni diretti della vascolarizzazione tumorale e i segni indiretti di dislocazione della biforcazione carotidea. Talvolta sono indicate terapie complementari quali embolizzazione o radioterapia, ma la cura definitiva della neoplasia è l'exeresi chirurgica tramite la via d'accesso della chirurgia carotidea. S'individua il piano di clivaggio sottoavventiziale tra massa e parete arteriosa, la cui mancanza può richiedere l'asportazione in blocco della carotide ed eventuale sostituzione protesica. Nonostante i progressi diagnostici e di tecnica, le lesioni nervose postoperatorie sono elevate nelle diverse casistiche. Il sospetto clinico e la diagnosi precoce sono importanti perché l'exeresi di un chemodectoma di modeste dimensioni ha un minor rischio di lesioni neurovascolari. Riportiamo la nostra esperienza su di un tumore di medie dimensioni, diagnosticato e asportato chirurgicamente presso il nostro Istituto, complicato da un transitorio deficit del VII nervo cranico destro. é necessario il monitoraggio delle funzioni vitali per la possibile insorgenza di crisi dispnoiche o d'insufficienza respiratoria acuta, sia in corso di anestesia parziale, sia nel post-operatorio di un'anestesia generale. Attraverso la revisione della letteratura, vengono analizzati i criteri diagnostici e terapeutici di questa neoplasia.

inizio pagina