Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 July-August;55(7-8) > Minerva Chirurgica 2000 July-August;55(7-8):489-92

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Chirurgica 2000 July-August;55(7-8):489-92

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Colecistectomia laparoscopica (Nostra esperienza)

Panzera F., Ghisio S., Grosso A., Vigezzi P., Vitale M., Cariaggi R. M., Mistrangelo M.


PDF


Obiettivo. La colecistectomia laparoscopica (CL) è divenuta il «Gold standard» della colelitiasi sintomatica grazie ai suoi numerosi vantaggi ed alla sua estrema versatilità. Scopo di questa ricerca è compiere una analisi retrospettiva della nostra esperienza di CL, maturata in un ospedale periferico e confrontarla con la letteratura corrente.
Metodi. Dal giugno 1992, sono state eseguite 989 CL. I pazienti erano: 691 (68,6%) donne e 298 (29,4%) uomini con un'età media di 56 anni. (range 17-84). Le indicazioni sono state: 791 colelitiasi sintomatiche, 142 colecistiti croniche, 45 empiema-idrope e 11 adenomiomatosi.
Risultati. La mortalità P.O. è stata nulla, mentre il tasso di conversione è stato di 24 casi (2,3%). Vi sono state 5 complicanze maggiori: 3 casi di perforazione della VBP e 2 di sanguinamento postoperatorio (1 dall'arteria cistica e 1 dalla ferita ombelicale) e 15 complicanze minori (12 casi di infezioni della ferita ombelicale e 3 laparoceli in sede ombelicale). L'innalzamento degli indici di stasi è stato notato in 3 casi, risoltisi spontaneamente. La durata del ricovero è stata di 2 giorni in 957 casi (97%), 8 giorni in 24 casi e 4-5 in 8 (0,7%).
Conclusioni. Non si è verificata alcuna lesione da trocar, contrariamente alle percentuali della letteratura (0,02%-0,9%). A questo proposito suggeriamo l'uso selettivo della tecnica open e del trocar multiuso a sezione conica nella tecnica closed. I 3 casi di lesione della VBP sono avvenuti al di fuori del cosiddetto periodo di apprendimento, in contrasto a quanto riportato in letteratura. A nostro avviso una scrupolosa tecnica chirurgica con una meticolosa preparazione del triangolo di Calot sono fondamentali per prevenire tali incidenti. Complicanze parietali (infezioni della ferita ombelicale e laparoceli) sebbene in numero minore che nella tecnica laparatomica, possono essere ridotte grazie all'uso dell'endobag e suturando la fascia addominale dei trocar da 10 mm. Inoltre riteniamo utile la applicazione sistematica del drenaggio sottoepatico durante le prime 24 ore postoperatorie come spia di eventuali sanguinamenti.

inizio pagina