Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 April;55(4) > Minerva Chirurgica 2000 April;55(4):227-34

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Chirurgica 2000 April;55(4):227-34

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La chirurgia dei grandi laparoceli (Esperienza di scuola 1990-1997)

Tosato F., Montesano G., Vasapollo L., Carnevale L., Paolini G., Scocchera F., Piraino A., Palermo S., Marano S., Corsini F., Tosato M., Paolini A.


PDF


Obiettivo. Gli Autori affrontano il tema del trattamento chirurgico dei grandi laparoceli convenzionalmente definiti da un'estensione maggiore di 10 cm. La difficoltà di riposizionare i visceri che hanno ormai perso diritto di domicilio nella cavità addominale, costituisce motivo di notevole aumento della pressione endo-addominale con conseguenze gravi nel decorso postoperatorio e ciò spinge all'utilizzo di materiali protesici che consentono una chiusura della cavità addominale con tecnica Tension-Free.
Metodi. L'esperienza personale e d'Istituto è di 45 pazienti, portatori di grandi laparoceli, suddivisi in: 21 con sede sovraombelicale, 14 ombelicale, 10 periombelicale; 7 volte si è proceduto a sutura semplice, 36 volte a ricostruzione secondo Stoppa, 2 volte ad apposizione di rete Goretex internamente e Marlex esternamente.
Risultati. Non si sono avute né mortalità, né recidive di malattia, solo alcune complicanze tra cui 9 casi di infezione superficiale, 1 caso di occlusione intestinale e 2 di sieroma sottocutaneo.
Conclusioni. Alla luce di tale esperienza e di un'ampia revisione di letteratura gli Autori traggono alcune nette conclusioni. Sono fondamentali: un'accurata toilette ed un'attenta valutazione della funzionalità respiratoria; soprassedere all'intervento chirurgico in caso di flogosi e, ove questo sia improrogabile, evitare l'uso di materiali protesici o quanto meno ripiegare su protesi riassorbibili; l'emostasi deve essere molto accurata ed un drenaggio in aspirazione per 24-48 ore preserva dal rischio di ematomi periprotesici spesso causa di successive infezioni.
L'impiego di materiali protesici sottomuscolari merita oggi un uso più estensivo garantendo una sutura Tension-Free. Viene infine ribadito in modo categorico la scelta di protesi in PTFEe a contatto con la matassa intestinale.

inizio pagina