Home > Riviste > Minerva Cardiology and Angiology > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2006 April;54(2) > Minerva Cardioangiologica 2006 April;54(2):265-71

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

  CASI CLINICI 

Minerva Cardioangiologica 2006 April;54(2):265-71

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

The inflammatory abdominal aortic aneurysm and coronary artery disease. Case report and review

Monte I., Capodanno D., Licciardi S., Ferraro C., Giannone M. T., Grasso S., Nicolosi E.

Department of Internal Medicine and Specialistic Medicine, University of Catania Cardiovascular Echolab, Cardiology Unit Policlinic of Catania, Catania, Italy


PDF


L’aneurisma infiammatorio dell’aorta addominale (inflammatory abdominal aortic aneurysm, IAAA) è definito come un’entità nosografica caratterizzata da una parete aneurismatica insolitamente ispessita, circondata da una densa ed estesa fibrosi perianeurismatica e/o retroperitoneale con adesione ai tessuti e agli organi addominali adiacenti ed è attualmente considerato come una forma estrema del processo infiammatorio comunemente sottostante la formazione della placca aterosclerotica. Ricerche recenti hanno dimostrato che l’infiammazione gioca un ruolo importante nella malattia coronarica, come nelle altre manifestazioni dell’aterosclerosi.
Presentiamo il caso di un paziente con IAAA che ha sviluppato infarto del miocardio dopo 6 mesi dall’intervento sull’aorta.
Gran parte della letteratura sul IAAA esalta il ruolo eziopatogenetico dell’infiammazione nello sviluppo dell’aterosclerosi e il valore predittivo indipendente dei marker infiammatori nell’identificazione di pazienti con coronaropatia, avvalorando l’ipotesi, legata al caso esaminato, di una coronaropatia progredita, precipitata o resa clinicamente manifesta dall’amplificazione sistemica del network citochinico e dai suoi effetti sistemici e locali al culmine di un’importante impegno infiammatorio localizzato o di un altrettanto importante intervento di chirurgia vascolare.

inizio pagina