Home > Riviste > Minerva Cardiology and Angiology > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 1999 March;47(3) > Minerva Cardioangiologica 1999 March;47(3):55-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Cardioangiologica 1999 March;47(3):55-8

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Studio degli indici di attivazione trombinica, prima e dopo terapia con PGE1, in pazienti con ischemia critica degli arti inferiori

Trifiletti A., Bartolone S., Scamardi R., Pizzoleo M. A., Attinà A., Sottilotta G., Canobbio V., Soraci S., Barbera N.


PDF


Obiettivo. In questo studio viene valutata l'azione delle prostaglandine PGE1 in un gruppo di pazienti con arteriopatia obliterante periferica (PAOD).
Metodi. In 16 pazienti (14 uomini e 2 donne, età 47-70 anni, media 57±7) con PAOD, ischemia critica di stadio IIb e III secondo la classificazione di Fontain, sono stati valutati gli effetti su due indici di generazione della trombina e l'azione della somministrazione endovenosa (2 ore) di 60 µg di alprostadil-PGE1 per quattro settimane. Nei pazienti vasculopatici, prima e dopo il trattamento farmacologico, sono stati valutati i seguenti parametri emostatici: il frammento di protrombina 1+2 (F1+2) ed il fibrinopeptide A (FPA).
Risultati. Al termine del trattamento i pazienti mostrano una significativa riduzione dei livelli plasmatici di FPA. Tuttavia al termine della terapia non vi erano differenze significative di F1+2.
Conclusioni. I risultati ottenuti sembrano indicare che i livelli plasmatici di F1+2 sono significativamente elevati, come indicatori di uno stato protrombotico, nei pazienti con PAOD prima e dopo il trattamento con PGE1.

inizio pagina