Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2013 June;61(3) > Minerva Cardioangiologica 2013 June;61(3):367-70

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Cardioangiologica 2013 June;61(3):367-70

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Perché il cardiologo interventista è lo specialista più indicato per il trattamento endovascolare della malattia arteriosa periferica

Biondi-Zoccai G.

Department of Medico-Surgical Sciences and Biotechnologies La Sapienza University, Rome, Latina, Italy


PDF


L’arteriopatia obliterante degli arti inferiori è una frequente cause di morbidità e mortalità in tutto il mondo, e il suo impatto è destinato ad aumentare nel tempo a causa del concomitante aumento della prevalenza del diabete e dell’obesità. Nonostante il persistente ruolo centrale della terapia medica e della chirurgia tradizionale (mediante ad esempio bypass, endoarterectomia e aneurismectomia), il trattamento endovascolare (percutaneo o transcatetere) di questa patologia sembra avere sempre maggior successo tra pazienti e medici. Tuttavia, le procedure endovascolari possono essere eseguite da cardiologi, radiologi, chirurghi vascolari e anche altri. Tutti questi specialisti sono capaci allo stesso modo di eseguire procedure endovascolari efficaci e sicure? Oppure è forse possibile identificare un gruppo di specialisti con caratteristiche tali da metterli in condizione di eseguire procedure endovascolari nel migliore dei modi? In effetti, nel presente articolo suggeriaimo che i cardiologi interventisti sono probabilmente, per background culturale, preparazione, ed esperienza clinica, i più idonei per eseguire procedure endovascolari.

inizio pagina