Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2012 October;60(5) > Minerva Cardioangiologica 2012 October;60(5):461-72

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  NOVITÀ IN CARDIOLOGIA 

Minerva Cardioangiologica 2012 October;60(5):461-72

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Approccio per via retrograda per rivascolarizzazione coronarica delle occlusioni croniche totali

Tomasello S. D., Marzà F., Giubilato S., Galassi A. R.

Cardiovascular Interventional Unit, Department of Internal Medicine and Systemic Disease Catheterization Laboratory, Cannizzaro Hospital, University of Catania, Catania, Italy


PDF


L’approccio per via retrograda attraverso i rami collaterali può migliorare il tasso di successo delle procedure di rivascolarizzazione coronarica delle occlusioni croniche totali. Sebbene siano rari i casi in cui tale tecnica fornisce vantaggi ineguagliabili rispetto all’approccio classico anterogrado, è pur vero che spesso molti cardiologi interventisti sono riluttanti all’impiego di tale strategia di rivascolarizzazione, soprattutto per la mancanza di un’adeguata competenza tecnica. In questo articolo, verranno descritte in maniera dettagliata tutte le strategie mediante le quali è possibile ottenere la rivascolarizzazione percutanea di un occlusione cronica per via retrograda attraverso i rami collaterali. Inoltre, utilizzando diversi esempi, illustreremo le difficoltà tipiche della tecnica ed alcuni accorgimenti procedurali, al fine di fornire le basi per la selezione dei casi che meglio si prestano a tale tipo di procedura di rivascolarizzazione coronarica.

inizio pagina