Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2012 April;60(2) > Minerva Cardioangiologica 2012 April;60(2):203-11

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Cardioangiologica 2012 April;60(2):203-11

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Un approccio all’ecocardiografia nella cardiomiopatia ipertrofica ed altre cause di ipertrofia del ventricolo sinistro

Beadle R. 1, Williams L. 2

1 University of Aberdeen, Aberdeen, UK; 2 University Hospitals Birmingham NHS Foundation Trust, Queen Elizabeth Hospital, Edgbaston, Birmingham, UK


PDF


La cardiomiopatia ipertrofica (hypertrophic cardiomyopathy, HCM) è la malattia genetica cardiovascolare più diffusa con una prevalenza nella popolazione generale pari a 1:500. La sua identificazione è d’importanza critica considerando che è la più comune causa di morte improvvisa nei soggetti giovani e che può condurre a patologie considerevoli come l’insufficienza cardiaca e la fibrillazione atriale. Ci sono diverse condizioni che possono mimare la manifestazione fenotipica della HCM a livello ecocardiografico. L’ecocardiografia rimane uno strumento inestimabile sia per la diagnosi iniziale che per il regolare controllo dei pazienti affetti da questa condizione patologica. Nonostante nessun singolo parametro ecocardiografico sia ideale, una valutazione complessiva e strutturale dell’anatomia e della funzionalità cardiaca può fornire preziosi indizi per la diagnosi e spesso suggerimenti per una diagnosi alternativa. Lo scopo di questa rassegna è rivalutare le caratteristiche tipiche della HCM all’esame ecocardiografico e evidenziare i parametri ecocardiografici che possono aiutare a distinguere altre cause di ipertrofia del ventricolo sinistro (left ventricular hypertrophy, LVH).

inizio pagina