Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2012 February;60(1) > Minerva Cardioangiologica 2012 February;60(1):95-100

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA 

Minerva Cardioangiologica 2012 February;60(1):95-100

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Inibitori della glicoproteina IIb/IIIa e bivalirudina in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo

Mahmoudi M., Waksman R.

Division of Cardiology, Department of Internal Medicine, Washington Hospital Center, Washington, DC, USA


PDF


L’intervento coronarico percutaneo (percutaneous coronary intervention, PCI) è attualmente lo standard di cura per i pazienti con sindrome coronarica acuta (acute coronary syndrome, ACS), nonché per i pazienti con angina “stabile” nei quali la terapia medica non ha avuto successo e il PCI rappresenta quindi un’alternativa accettabile alla rivascolarizzazione chirurgica. La terapia antipiastrinica e antitrombotica aggiuntiva durante PCI è finalizzata ad attenuare i rischi associati all’attivazione e all’aggregazione delle piastrine, alla rottura della placca da causa iatrogena, e alla formazione di trombi durante la procedura. L’obiettivo di questa review è stato quello di presentare una sintesi delle evidenze emerse dagli studi randomizzati che hanno confrontato una strategia basata sulla combinazione di eparina e un inibitore della glicoproteina IIb/IIIa (glycoprotein IIb/IIIa inhibitor, GPI) con una strategia basata sull’uso di bivalirudina in pazienti sottoposti a PCI elettivo e urgente.

inizio pagina