Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2010 June;58(3) > Minerva Cardioangiologica 2010 June;58(3):357-78

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

REVIEW  AGGIORNAMENTO IN ECOCARDIOGRAFIA 

Minerva Cardioangiologica 2010 June;58(3):357-78

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

L’ecocardiografia Doppler su tessuto

Ng A. C. T., Thomas L., Leung D. Y.

Department of Cardiology, Liverpool Hospital, Sydney, New South Wales, Australia


PDF


L’ecocardiografia Doppler su tessuto, fin dalla sua introduzione, risalente a piu’ di 2 decenni fa, ha rivoluzionato l’ ecocardiografia. Nella ricerca atta a quantificare direttamente la funzione miocardica, ad incrementare la sensibilita’ nell’identificazione precoce delle disfunzioni miocardiche subdole e ad aumentare la facilita’ di utilizzo, l’ecocardiografia Doppler si e’ evoluta dal Doppler su tessuto ad onda ampia, all’ecocardiografia color-Doppler e allo speckle tracking bi-dimensionale oltre che dalla velocita’ miocardia alla velocita’di imaging strato su strato. Nel corso degli anni, numerosi studi hanno dimostrato il valore dell’ ecocardiografia Doppler su tessuto nella diagnosi e nella stratificazione del rischio per una vasta gamma di patologie cardiache. In ogni caso, ogni cambio generazionale nell’ecocardiografia Doppler su tessuto determina progressi tecnologici dei software non direttamente paragonabili con le versioni precedenti. E’ ben oltre lo scopo del presente articolo sia presentare diffusamente le differenze tecniche tra l’imaging Doppler su tessuto e l’analisi del speckle tracking sia passare in rassegna le implicazioni cliniche della velocita’ miocardia, della velocita’di imaging strato su strato ottenute dal Doppler su tessuto in confronto allo speckle tracking. Per cui, l’ obbiettivo della presente rassegna e’ focalizzarsi sull’ imaging Doppler su tessuto, trattando i principi fisici di base, le limitazioni tecniche, le differenze sulla velocita’ miocardia, sulla velocita’di imaging strato su strato in condizioni normali e patologiche e infine trattando il valore prognostico dell’imaging Doppler su deformazioni tissutali nel predirre la prognosi cardiaca avversa.

inizio pagina