Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2009 February;57(1) > Minerva Cardioangiologica 2009 February;57(1):117-29

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW  PROCEDURE INTERVENTISTICHE NEL 2009 

Minerva Cardioangiologica 2009 February;57(1):117-29

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Aggiornamento sugli interventi vascolari infrapoplitei

Bosiers M. 1, Deloose K. 1, Verbist J. 2, Peeters P. 2

1 Department of Vascular Surgery AZ St-Blasius, Dendermonde, Belgium 2 Department of Cardiovascular and Thoracic Surgery Imelda Hospital, Bonheiden, Belgium


PDF


Nell’ultimo decennio, l’applicazione delle tecniche percutanee al trattamento della vasculopatia obliterante periferica ha avuto una grande diffusione. In molte istituzioni, grazie allo sviluppo di nuovi dispositivi endovascolari e la progressiva esperienza degli operatori, la terapia percutanea minimamente invasiva è divenuta il trattamento di prima linea. I pazienti con ischemica critica di un arto a causa di lesioni infrapoplitee spesso non sono buoni candidati per il bypass chirurgico al di sotto del ginocchio, poiché spesso presentano comorbidità proibitive, inadeguato flusso ed una mancanza di target distali adatti per la rivascolarizzazione. Pertanto, i pazienti con ischemica critica dovuta a blocco delle arterie infrapoplitee beneficiano del trattamento intravascolare. Quest’ultimo presenta i vantaggi dell’anestesia locale, di bassi costi (anche anticipando la necessità di reintervento in molti pazienti) e di un più breve ricovero ospedaliero. Il presente articolo presenta un sommario della diagnosi e delle strategie di trattamento per le lesioni infrapoplitee nei pazienti con ischemica critica di un arto, fornendo le raccomandazioni per i futuri sviluppi tecnologici dei dispositivi per il trattamento delle lesioni infrapoplitee.

inizio pagina