Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2008 February;56(1) > Minerva Cardioangiologica 2008 February;56(1):67-77

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW  DES UPDATE 

Minerva Cardioangiologica 2008 February;56(1):67-77

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Guida ecografica intravascolare per il posizionamento di stent medicati

Roy P., Waksman R.

Division of Cardiology Washington Hospital Center, Washington, DC, USA


PDF


Il ruolo routinario dell’ecografia intravascolare (intravascular ultrasound, IVUS) come guida all’angioplastica coronarica percutanea (percutaneous coronary intervention, PCI) nell’era degli stent tradizionali rimane controverso. È stata riportata una potenziale riduzione della necessità di rivascolarizzazione senza tuttavia un impatto sull’infarto miocardico non fatale e la mortalità. Gli stent medicati (drug-eluting stents, DES) hanno ottenuto risultati clinici migliori nei pazienti sottoposti a PCI, ma non sono del tutto liberi da ristenosi e sono limitati dal rischio di trombosi, particolarmente nel caso di lesioni più complesse. Le principali ragioni di fallimento dei DES sono state identificate in sotto-espansione dello stent, malposizionamento ed incompleta copertura della lesione. L’identificazione di questi eventi con IVUS ed il loro successivo trattamento può condurre ad un miglioramento degli outcome clinici. Sebbene il beneficio clinico sia intuitivo, sono ancora necessari i risultati di studi clinici randomizzati per giustificare l’uso routinario dell’IVUS nell’impianto dei DES. In questa revisione, è presentata l’evidenza attualmente disponibile circa i potenziali benefici clinici risultanti dalla guida IVUS nell’impianto dei DES.

inizio pagina