Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2007 October;55(5) > Minerva Cardioangiologica 2007 October;55(5):669-79

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Cardioangiologica 2007 October;55(5):669-79

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Interventi endovascolari per il trattamento delle cardiopatie congenite nell’adulto

Presbitero P., Lisignoli V., Zavalloni D., Rossi M. L., Gasparini G. L., Belli G., Pagnotta P.

Department of Invasive Cardiology Istituto Clinico Humanitas Mirasole Spa Milan, Italy


PDF


Negli ultimi anni, l’approccio terapeutico endovascolare è divenuto una parte rilevante del trattamento dei pazienti con cardiopatie congenite ed in particolare dei difetti residui dopo interventi cardiochirurgici infantili. Queste procedure trans-catetere possono essere classificate essenzialmente in dilatazione di aree stenotiche (angioplastica, stenting endovascolare e valvuloplastica) e chiusura di aperture anomale (difetti di chiusura ed embolizzazione vascolare). La valvuloplastica con pallone, con o senza stent, è la procedura di scelta negli adulti con stenosi della valvola polmonare, stenosi delle arterie polmonari, stenosi di valvola aortica bicuspide senza calcificazione e re-coartazione aortica. È ancora dibattuto il trattamento della coartazione aortica nativa. Sono stati sviluppati e sono ora ampiamente utilizzati dispositivi per la chiusura dei difetti settari atriali e ventricolari o del dotto arterioso. L’occlusione trans-catetere mediante plug oppure coil è oggi il trattamento di scelta di un vasto gruppo di connessioni vascolari anomale arteriose e venose. Questa revisione descrive l’attuale ruolo di ciascuna principale terapia endovascolare nel trattamento delle cardiopatie congenite dell’adulto.

inizio pagina