Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2005 April;53(2) > Minerva Cardioangiologica 2005 April;53(2):93-108

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  ECOCARDIOGRAFIA - PARTE I 

Minerva Cardioangiologica 2005 April;53(2):93-108

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Echocardiography in cardiac resynchronization therapy

Naqvi T. Z., Rafique A. M.


PDF


La terapia di risincronizzazione cardiaca è una nuova modalità di trattamento per pazienti elegibili con insufficienza cardiaca congestizia. La premessa della terapia di risincronizzazione cardiaca è che essa diminuisce la differente contrattilità interventricolare ed intraventricolare durante la contrazione sistolica migliorando di conseguenza l'efficacia della pompa cardiaca. La presenza di disturbi della sincronia cardiaca sembra essere un prerequisito per una risposta alla terapia di risincronizzazione. Tradizionalmente, la disomogeneità della contrazione è stata evidenziata elettrocardiograficamente dall'allargamento del complesso QRS. Più recentemente sono diventati disponibili diversi metodi ecocardiografici per la valutazione dei disturbi della sincronia cardiaca. Questi metodi utilizzano il Doppler convenzionale M-mode e il Doppler pulsato così come i metodi che consentono l'ottenimento di immagini tissutali tramite Doppler tissutale (TDI). Questi parametri ecocardiografici hanno dimostrato di essere predittori più importanti della risposta alla terapia di risincronizzazione cardiaca rispetto al convenzionale allargamento del complesso QRS. Questa review discuterà i metodi ecocardiografici di valutazione dei disturbi di sincronia ed il loro ruolo nel predire la risposta alla terapia di risincronizzazione cardiaca. Inoltre verrà anche discusso il ruolo dell'ecocardiografia nell'impianto di pacemaker dopo terapia di risincronizzazione cardiaca.

inizio pagina