Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2001 August;49(4) > Minerva Cardioangiologica 2001 August;49(4):273-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Minerva Cardioangiologica 2001 August;49(4):273-8

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Perfusione simultanea di urokinasi nell’arteria e nella vena renale in caso di trombosi venosa renale

Stella N., Rolli A., Catalano A., Udini M.


PDF


Gli Autori presentano un caso di trombosi della vena renale sinistra con estensione alla vena cava inferiore, associata ad una sindrome nefrosica, trattata con perfusione simultanea di Urokinasi nella vena e nell'arteria renale. Un uomo di 21 anni giunse alla nostra osservazione per una trombosi della vena renale sinistra con estensione del trombo alla vena cava inferiore, diagnosticata all'esame eco color-Doppler e confermata all'angio-TC. Il paziente presentava una sintomatologia dolorosa al fianco sinistro, edema imponente degli arti inferiori ed una tumefazione dolorosa del testicolo sinistro. Le fasi del trattamento furono: 1) anticoagulazione con infusione endovenosa di eparina sodica, 2) posizionamento di un filtro cavale temporaneo sopra-renale per via giugulare destra, 3) trombolisi diretta nel trombo cavale, con lisi immediata del trombo, 4) fibrinolisi renale per mezzo della perfusione simultanea di Urokinasi nella vena e nell'arteria renale sinistre. Il controllo angiografico effettuato a distanza di 24 ore dall'inizio del trattamento mostrò la lisi completa della trombosi renale; questo risultato si accompagnò alla scomparsa della sintomatologia dolorosa. Sulla base di questa esperienza gli Autori ritengono utile, in presenza di una trombosi della vena renale, un trattamento trombolitico per cateterismo selettivo e simultaneo sia dell'arteria sia della vena renale e ritengono di primaria importanza il posizionamento di un filtro cavale temporaneo, prima di iniziare la trombolisi, nel caso di estensione della trombosi alla vena cava inferiore, situazione di per sé ad alto rischio emboligeno.

inizio pagina