Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 1999 January-February;47(1-2) > Minerva Cardioangiologica 1999 January-February;47(1-2):31-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Minerva Cardioangiologica 1999 January-February;47(1-2):31-8

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Gli aneurismi micotici da salmonella: trattamento chirurgico tradizionale ed “alternativo” mediante homograft arterioso

Locati P., Socrate A. M., Costantini E.


PDF


L'infezione dell'aorta addominale da salmonella con la formazione di un aneurisma micotico (AM) è un evento raro, ma gravato da elevata mortalità e morbilità. Per l'evoluzione imprevedibile e rapida dell'aneurisma è indicato, oltre alla terapia antibiotica che deve essere prolungata e mirata, il trattamento chirurgico anche nel solo sospetto d'eziologia infettiva. La rivascolarizzazione periferica prevede tradizionalmente l'utilizzo di materiale sintetico posto in sede extranatomica o in situ. Entrambi i metodi possono presentare complicanze e/o inconvenienti. Una metodica «alternativa» presentata recentemente è quella di utilizzare materiale arterioso omologo, che consente una rivascolarizzazione in situ più emodinamica ed a basso rischio di infezione.
Nel presente lavoro sono presentati due casi di aneurisma da salmonella e le motivazioni che ci hanno fatto preferire, nel primo caso la rivascolarizzazione extranatomica e, nel secondo caso, quella in situ con materiale omologo arterioso.

inizio pagina