Home > Riviste > Minerva Anesthesiology > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2004 April;70(4) > Minerva Anestesiologica 2004 April;70(4):245-50

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CARDIOVASCOLARE  SMART 2004 - Milano, 12-14 maggio 2004 Freefree

Minerva Anestesiologica 2004 April;70(4):245-50

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Somministrazione di ossido nitrico per via inalatoria nei neonati

Biban P.

Terapia Intensiva Neonatale e Pediatrica, Divisione di Pediatria, Ospedale Civile Maggiore, Azienda Ospedaliera di Verona, Verona


PDF


L’utilizzo dell’ossido nitrico per via inalatoria nei casi di insufficienza respiratoria di tipo ipossiemico nei neonati si basa sull’evidenza di una selettiva vasodilatazione polmonare, in assenza di effetti collaterali a livello sistemico.
Il suo utilizzo è riconosciuto per i neonati di età superiore alle 34 settimane, affetti da ipertensione polmonare acuta di grado severo e shunt extrapolmonare destro-sinistro.
In tutti gli altri casi (ovvero polmonite, sepsi, sindrome da distress respiratorio acuto), l’effetto terapeutico risulta essere meno evidente; non sono disponibili dati definitivi circa l’utilizzo dell’ossido nitrico per via inalatoria nei bambini pretermine. Il dosaggio raccomandato è di 20 ppm, diminuendo a scalare fino a 5 ppm; la dose di 40 ppm non deve essere mai raggiunta. La durata del trattamento è variabile, solitamente non supera i 7 giorni; lo svezzamento deve essere progressivo.
In conclusione, l’utilizzo dell’ossido nitrico per via inalatoria nei neonati affetti da ipertensione polmonare persistente riduce la necessità di ossigenazione extracorporea a membrana, ma non modifica in misura significativa la prognosi.

inizio pagina