Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2006 January-February;72(1-2) > Minerva Anestesiologica 2006 January-February;72(1-2):13-20

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEWS   Freefree

Minerva Anestesiologica 2006 January-February;72(1-2):13-20

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Standards of care for ambulatory surgery. Are we up to speed

Jevtovic-Todorovic V.

Department of Anesthesiology University of Virginia Health System Charlottesville, USA


PDF


Gli interventi chirurgici ambulatoriali stanno diventando sempre più comuni nella pratica anestesiologica quotidiana. Ciò comporta una maggiore richiesta di anestesisti che forniscano la loro opera per la valutazione preoperatoria e la preparazione del paziente, per la selezione ottimale dei casi e della tecnica chirurgica da impiegare, per l’efficienza, la sicurezza e l’assistenza post-anestesia. E’ quindi necessaria la partecipazione attiva di un anestesista per quanto riguarda tutti gli aspetti riguardanti l’organizzazione e il coordinamento del periodo perioperatorio. Negli ultimi 20 anni diversi studi hanno introdotto molti modelli di organizzazione per lo screening pre-anestesia, con l’obiettivo di soddisfare maggiormente il paziente, di controllare i costi e di diminuire i tempi di attesa per l’intervento chirurgico. Essendo stata stabilita l’importanza della valutazione anestesiologica circa il comfort del paziente e la durata del periodo di recupero post-anestesia in ambiente ambulatoriale, molti anestesisti hanno focalizzato la loro attenzione sulle diverse modalità di anestesia e delle tecniche per eseguirla, con particolarmente riguardo agli interventi preventivi (ad esempio la somministrazione pre-operatoria di antiemetici, il blocco nervoso periferico continuo). Infine, il superamento del tradizionale periodo di recupero nella camera di risveglio (“fast tracking”), che è stato valutato negli ultimi 10 anni e che è stato accettato come una modalità sicura e favorevole dal punto di vista del costo/beneficio, e che consente un’adeguata selezione dei pazienti.

inizio pagina