Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2005 July-August;71(7-8) > Minerva Anestesiologica 2005 July-August;71(7-8):435-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

REVIEW  III MEETING OF PAIN SECTION OF SIAARTI
INTERNATIONAL J. J. BONICA MEMORIAL
Capo Calavà (Messina), 20-23 Settembre 2004
 Freefree

Minerva Anestesiologica 2005 July-August;71(7-8):435-7

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Pharmacology of methadone and its isomers

Inturrisi C. E. 1, 2

1 Department of Pharmacology Weill Medical College of Cornell University New York, NY, USA 2 The Pain and Palliative Care Service Memorial Sloan-Kettering Cancer Center New York, NY, USA


PDF


Il metadone è analgesico oppiaceo sintetico che viene utilizzato quale alternativa alla morfina e all’idromorfone nei pazienti con grave dolore. Esso viene sempre più usato nei protocolli che prevedono la rotazione di farmaci oppiacei. Il metadone ha un atomo di carbonio asimmetrico che produce 2 forme enantiomere, l’isomero d e l’isomero l. La miscela racemica (dl-metadone) è quella che più comunemente viene utilizzata nella pratica clinica. Studi recenti hanno evidenziato l’attività farmacologia dell’isomero d. Abbiamo osservato che l’isomero d del metadone ha un’attività antagonista sul recettore per l’N-metil-D-aspartato (NMDA) sia in vitro che in vivo. Gli studi erano stati disegnati per valutare la capacità del d-metadone di attenuare lo sviluppo di tolleranza alla morfina e per modificare l’iperalgesia NMDA-indotta nei ratti. Ripetute somministrazioni intratecali di morfina hanno provocato un aumento di 38 volte del suo valore ED50. Questa diminuzione dell’attività della morfina veniva completamente prevenuta dalla co-somministrazione intratecale di d-metadone alla dose di 160 mg in ogni ratto. Inoltre, nei ratti la diminuzione del periodo di latenza termica a livello della zampa, indotta dalla somministrazione intratecale di 1,64 mg di NMDA, era completamente bloccata dal pretrattamento con 160 mg di d-metadone. Si deve quindi dedurre che la stessa dose intratecale di d-metadone che attenua lo sviluppo di tolleranza alla morfina a livello midollare blocca nei ratti l’iperalgesia NMDA-indotta. Questi risultati suggeriscono che il d-metadone influenzi lo sviluppo della tolleranza alla morfina e l’iperalgesia NMDA-indotta tramite la sua virtuale attività antagonista per il recettore NMDA.

inizio pagina