Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2004 April;70(4) > Minerva Anestesiologica 2004 April;70(4):229-32

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CARDIOVASCOLARE  SMART 2004 - Milano, 12-14 maggio 2004 Freefree

Minerva Anestesiologica 2004 April;70(4):229-32

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Hemodynamic-volumetric monitoring

Della Rocca G., Costa M. G.

Department of Anesthesia and Intensive Care, University of Udine, Italy


PDF


Il mantenimento di un precarico adeguato è di primaria importanza nel paziente sottoposto a chirurgia maggiore e nel paziente critico. L’end-point primario è rappresentato dal mantenimento della perfusione d’organo attraverso challenge volemici e terapia con farmaci vasoattivi per ottimizzare la gettata cardiaca, la disponibilità di ossigeno. Varie metodiche sono state messe a punto per monitorizzare il precarico. Negli ultimi 10 anni la tecnica della termodiluizione transpolmonare con indicatore ha dimostrato di essere un accurato metodo di monitoraggio emodinamico-volumetrico. Analizzeremo brevemente il volume ematico intratoracico come indice di precarico e gli indici di risposta al carico volemico (stroke volume variation e pulse pressure variation) disponibili al letto del paziente. L’ottimizzazione del bilancio idrico, e la somministrazione di farmaci vasoattivi basata sul monitoraggio volumetrico rende la tecnica della termodiluizione transpolmonare una nuova valida tecnica di monitoraggio in quei settori in cui la gestione della volemia riveste un ruolo di primaria importanza.

inizio pagina