Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2003 September;69(9) > Minerva Anestesiologica 2003 September;69(9):673-9

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIA Freefree

Minerva Anestesiologica 2003 September;69(9):673-9

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

Effetti del remifentanil sul sistema di eccito-conduzione cardiaco umano. Studio elettrofisiologico trans-esofageo

Fattorini F. 1, Romano R. 2, Ciccaglioni A. 1, Pascarella M. A. 1, Rocco A. 1, Mariani V. 1, Pietropaoli P. 1

1 Department of Anesthesiological Sciences Critical Care and Pain Therapy “La Sapienza” University, Rome, Italy; 2 Department of Medical and Surgical Emergencies University of Ancona, Ancona, Italy


PDF


Obiettivo. Precedenti studi hanno evidenziato che la somministrazione di remifentanil (farmaco oppioide m-agonista) si accompagna spesso a bradiaritmie, prevenibili o trattabili mediante farmaci parasimpaticolitici. Scopo del lavoro è di valutare se questi effetti cronotropi negativi siano dovuti esclusivamente a un aumento dell’attività parasimpatica o, anche, a un’azione diretta del remifentanil sul sistema di eccito-conduzione cardiaco.
Metodi. Abbiamo effettuato uno studio elettrofisiologico transesofageo in 40 soggetti esenti da patologie cardiovascolari, candidati a trattamento chirurgico ortopedico, in anestesia generale. Sono stati presi in considerazione sia il tempo di recupero del nodo seno-atriale corretto, che la comparsa di blocco atrio-ventricolare tipo Wenckebach, nello stato di veglia e, ancora, dopo la somministrazione di remifentanil.
Risultati. Abbiamo evidenziato in tutti i pazienti sia una significativa depressione dell’automatismo seno-atriale che una riduzione della riserva conduttiva del nodo atrio-ventricolare. In 2 casi, in particolare, si sono verificati un arresto sinusale e la comparsa di un ritmo giunzionale di scappamento, entrambi regrediti spontaneamente.
Conclusioni. L’atropina ha normalizzato i parametri presi in esame, confermando che le manifestazioni cardiologiche ipocinetiche associate alla somministrazione di remifentanil vengono mediate esclusivamente dal nervo vago.

inizio pagina