Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2003 April;69(4) > Minerva Anestesiologica 2003 April;69(4):302-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

NURSING  SMART 2003 - Milano 28-30 maggio Freefree

Minerva Anestesiologica 2003 April;69(4):302-7

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il controllo e la prevenzione delle infezioni in terapia intensiva: aspetti ambientali

Colombo D., Russolillo C.

Servizio di Anestesia e Rianimazione, Azienda Ospedaliera Luigi Sacco, Polo Universitario, Milano, Italia


PDF


Sebbene i dispositivi intra-vascolari (DIV) siano indispensabili nella cura del paziente critico, il loro utilizzo può essere complicato da infezione, generalmente associata ad un incremento della degenza e quindi dei costi per l’azienda ospedaliera.
Risulta pertanto imperativa l’applicazione di linee guida costituenti una base d’informazione su cui ogni centro possa elaborare una propria strategia riassumibile nei seguenti punti: a) formazione del personale; b) sorveglianza delle infezioni associate a DIV; c) lavaggio delle mani; d) misure di barriera durante l’inserimento e la gestione del catetere; e) gestione del sito di inserimento e sistemi di medicazione del sito di inserimento; f) scelta e sostituzione del DIV; g) sostituzione degli apparati di somministrazione e dei liquidi per via endo-venosa; h) profilassi antimicrobica.
Per quanto riguarda i cateteri venosi centrali (CVC), si raccomanda particolarmente di: 1) usare un (CVC) a singolo lume, a meno che accessi multipli siano necessari; 2) usare sia un CVC ad inserimento periferico, sia un catetere tunnellizzato o dispositivi vascolari impiantabili nei pazienti con età superiore a 4 anni, nei quali si prevede la necessità di un acceso vascolare a lungo termine (> 30 giorni); 3) usare dispositivi totalmente impiantabili per il paziente pediatrico di età inferiore a 4 anni che richieda accessi vascolari a lungo termine; 4) usare la succlavia, come sede di inserimento del CVC a meno che non sia clinicamente controindicato (esempio coagulopatia, alterazioni anatomiche); 5) applicare precauzioni di barriera durante l’inserimento del CVC e per la cura del catetere e del sito d’inserimento.

inizio pagina