Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 October;68(10) > Minerva Anestesiologica 2002 October;68(10):751-63

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIA Free accessfree

Minerva Anestesiologica 2002 October;68(10):751-63

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Anestesia in Italia nel 2000: scienza ed abitudini di lavoro

Di Filippo A. 1, Giunta F. 2, Paolocchi A. 2, Bressan F. 1, Mastronardi P. 3

1 Department of Intensive Care, University of Florence, Florence, Italy 2 Chair of Anesthesiology and Resuscitation, University of Pisa, Pisa, Italy 3 Department of Surgical, Anesthesiological, Resuscitation and Emergency Sciences, University of Naples “Federico II”, Naples, Italy


PDF


Obiettivo. Passare in rassegna le abitudini di lavoro degli anestesisti italiani.
Metodi. Abbiamo sottoposto a 1260 anestesisti italiani in 12 diverse sedi regionali un questionario strutturato volto a censire le loro abitudini di lavoro. Il campione era composto da anestesisti di età compresa fra i 26 ed i 63 anni con una anzianità di pratica anestesiologica compresa fra 1 e 35 anni. Riteniamo che il nostro campione rappresenti il 7-10% degli anestesisti italiani, riflettendo un numero globale di 600.000 procedure anestesiologiche effettuate nell’anno 2000. I risultati sono stati analizzati mediante un foglio di calcolo Excel e sono riportati come media delle percentuali di uso dichiarate nel caso dei farmaci e come percentuale delle risposte nel caso delle procedure e dei sistemi di monitoraggio utilizzati. Inoltre abbiamo diviso la nostra popolazione campione secondo due criteri: luogo principale di lavoro (sala operatoria di chirurgia generale, di chirurgia specialistica o terapia intensiva) ed anni di anzianità di pratica. I risultati sono stati incrociati all’interno e fra i sottogruppi.
Risultati. Il sondaggio ha dimostrato una pratica composita della anestesia in Italia. Le principali differenze sono fra i più giovani ed i più vecchi anestesisti e fra gli anestesisti che lavorano principalmente in terapia intensiva e quelli delle sale operatorie.
Conclusioni. La pratica anestesiologica italiana rimane una realtà altamente composita.

inizio pagina