Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 May;68(5) > Minerva Anestesiologica 2002 May;68(5):449-53

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ANTITHROMBIN III IN SEVERE SEPSIS  SMART 2002 Milano 29-31 maggio 2002 Freefree

Minerva Anestesiologica 2002 May;68(5):449-53

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ruolo dell’antitrombina III nelle pazienti critiche in ostetricia

Mangione S., Giarratano A.

From the Department of Anesthesiology Intensive Care and Emergency University of Palermo


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci


È stato condotto uno studio preliminare allo scopo di verificare l’esistenza di una differenza significativa tra i dosaggi del network delle citochine raccolti durante preeclampsia lieve e severa e i dosaggi registrati durante una gravidanza normale. 36 pazienti sono stati suddivisi in due gruppi: gravidanza normale (NP) e preeclampsia grave e HELLP syndrome (SPH). Sono stati raccolti i valori plasmatici delle citochine infiammatorie (IL 6, TNF , IL 10), dell’antitrombina III (AT III), della proteina C (PC) e del Tissue Factor Pathway Inibitor (TFPI), è inoltre stato registrato l’Organ Disfunction modified Score (ODS). I risultati mostrano una differenza significativa (p<0,05) nei dosaggi di AT III e di altri marcatori dell’infiammazione tra i due gruppi e, all’interno del gruppo SPH, tra pazienti con preeclampsia grave e pazienti con HELLP syndrome. Emerge quindi una correlazione tra gli inibitori naturali della coagulazione, specialmente l’antitrombina III, e l’andamento clinico. Questa correlazione non è inficiata dalla procedura del cesareo.
Basandosi sui risultati di questo studio abbiamo quindi disegnato un protocollo di monitoraggio e trattamento attualmente in uso presso i nostri reparti di ostetricia e terapia intensiva. Attualmente è in fase di sviluppo uno studio multicentrico per confermare i dati preliminari sulla terapia sostitutiva con antitrombina III.

inizio pagina