Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 May;68(5) > Minerva Anestesiologica 2002 May;68(5):406-13

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ANESTHESIA IN PEDIATRICS  SMART 2002 Milano 29-31 maggio 2002 Freefree

Minerva Anestesiologica 2002 May;68(5):406-13

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Anestesia per la chirurgia laparoscopica in pediatria

Baroncini S., Gentili A., Pigna A., Fae M., Tonini C., Tognù A.

From the Department of Anesthesia Resuscitation and Intensive and Analgesic Therapy Anesthesia and Resuscitation Unit-Baroncini S. Orsola-Malpighi Polyclinic University of Bologna, Bologna, Italy


PDF


La laparoscopia occupa un ruolo di primo piano nel trattamento di numerose patologie di interesse chirurgico. In età pediatrica l’approccio laparoscopico riduce il trauma chirurgico e migliora i risultati estetici. Le modificazioni fisiologiche durante laparoscopia sono soprattutto legate all’aumento della pressione intra-addominale (IAP) associato alla insufflazione di CO2, alla posizione del paziente, all’assorbimento di CO2 e ai suoi effetti sistemici. L’incremento della IAP produce modificazioni sia sotto l’aspetto respiratorio, sia sotto l’aspetto cardiocircolatorio.
Un’aumentata pressione intra-addominale comporta una compressione meccanica sul diaframma che riduce la compliance polmonare, la capacità vitale, la capacità funzionale residua e la capacità polmonare totale.
Il pneumoperitoneo nel bambino può determinare conseguenze rilevanti anche sulla funzionalità cardiocircolatoria, soprattutto per quanto riguarda le condizioni di riempimento: l’incremento della IAP modifica sia il precarico, sia il postcarico mantenendo inalterata la performance ventricolare. Durante anestesia per l’esecuzione di una laparoscopia è importante che la IAP non superi 6 mmHg in età neonatale e lattante e 12 mmHg nel bambino.
Nella esperienza riportata la laparoscopia ha indotto modificazioni cardiocircolatorie, respiratorie e della temperatura, che si sono contenute sempre entro parametri fisiologici. Tale metodica risulta di possibile esecuzione in neonati, lattanti e bambini in condizioni di sicurezza e di soddisfacente risultato clinico.

inizio pagina