Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 March;68(3) > Minerva Anestesiologica 2002 March;68(3):89-93

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

ARTICOLI ORIGINALI  RIANIMAZIONE Freefree

Minerva Anestesiologica 2002 March;68(3):89-93

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Tracheotomia translaringea secondo Fantoni. Complicanze perioperatorie su una serie consecutiva di 220 pazienti

Nani R., Sarpellon M., Marson F., Fonzari C., Farnia A., De Castello M.

Ospedale S. Maria dei Battuti - Treviso Dipartimento di Anestesia e Rianimazione I Servizio


PDF


Obiettivo. Complicanze perioperatore durante TLT.
Metodi. Ambiente: rianimazione polivalente. Pazienti: 220 (18-87 anni). Criteri di esclusione adottati: coagulopatie, difficoltà d’intubazione, infezioni e precedenti chirurgici sul collo, sospetta lesione del rachide cervicale, grave ipossiemia, instabilità emodinamica, ammalati trasferibili precocemente in altra struttura ospedaliera o a domicilio. Intervento: le TLT sono state eseguite in anestesia generale. La tecnica impiegata è quella descritta da Fantoni, tranne in 14 casi.
Risultati Abbiamo diviso le complicanze cliniche perioperatorie dai problemi tecnico-strumentali. Le complicanze cliniche sono state 28, il 12,7% delle TLT, suddivise in minori, 20 casi, e maggiori, 8 casi: le prime sono il 9,1% delle TLT, il 71,4% delle complicanze, le seconde, il 3,6% delle TLT, il 28,6% delle complicanze. Tra le complicanze minori spiccano l’estrazione totale della cannula e la difficoltà a far progredire la stessa in trachea. Sono considerate complicanze maggiori: la difficoltà assoluta a posizionare la cannula in trachea, il dislocamento della protesi nel tessuto paratracheale, la rottura dell’anello tracheale, il sanguinamento e l’infezione della tomia, le avulsioni dentarie. Problemi tecnico strumentali: incompleta chiusura della ghiera, il tracheoscopio rigido sovradimensionato, il cambio cannula difficile.
Conclusioni. Riteniamo la TLT una metodica valida e sicura. Le complicanze minori, legate all’apprendimento della tecnica da parte degli operatori, tendono a scomparire con l’addestramento. Le complicanze maggiori, poco frequenti nella nostra casistica, sono insorte nonostante la selezione dei pazienti e hanno spesso richiesto la conversione chirurgica della TLT.

inizio pagina