Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2001 September;67(9) > Minerva Anestesiologica 2001 September;67(9):647-52

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI  RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA Freefree

Minerva Anestesiologica 2001 September;67(9):647-52

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La prevalenza delle infezioni nosocomiali nelle Unità di Terapia Intensiva del Triveneto in Italia

Luzzati R. 1, Antozzi L. 1, Bellocco R. 2, Del Bravo P. 1, Mirandola M. 1, Procaccio F. 3, Cirillo F. M. 3, Romiti P. 3, Sarti A. 3, Manani G. 3, Concia E. 1, Italic Study Group

1 Istituto di Malattie Infettive Università ed Azienda Ospedaliera - Verona; 2 Department of Medical Epidemiology Karolinska Institute - Stockholm (Sweden); 3 Collegio dei Primari di Anestesia e Rianimazione del Triveneto Gruppo di Studio «Le infezioni in terapia intensiva»


PDF


Obiettivo. Le infezioni nosocomiali costituiscono una delle principali complicazioni che interessano i pazienti ricoverati in unità di terapia intensiva (ICU). Scopo di questo studio è valutare il tasso delle infezioni acquisite in ICU, potenziali fattori di rischio per tali infezioni, microrganismi causali e patterns di antibioticoresistenza.
Metodi. È stato realizzato uno studio di prevalenza puntiforme (1 giorno) in 39 ICU del Triveneto (Italia) nel novembre 1998. La casistica complessiva includeva 188 pazienti con un’età media di 61,4±19,3 anni; lo score medio del SAPS II all’ingresso in ICU era 44,4±16,8 e la durata mediana della degenza di 9 giorni (range 2-636).
Risultati. Un numero complessivo di 59 pazienti (31,4%) ha presentato 79 episodi di infezioni acquisite in ICU; le infezioni più frequenti erano le seguenti: polmoniti (45,5%), sepsi (30,4%) ed infezioni delle vie urinarie (11,4%). I microrganismi più frequentemente isolati erano S. aureus (24,4%, di cui 77% meticillino-resistenti), Enterobacteriaceae (24,4%), P. aeruginosa (23,2%), miceti (12,2%), stafilococchi coagulasi-negativi (7,3%), Enterococcus spp (4,9%). I seguenti fattori sono risultati indipendentemente associati al rischio d’infezione nosocomiale: durata del ricovero >7 giorni (OR 4.29, 95% CI 1.82-10.1), SAPS II score >30 (OR 3.34, 95% CI 1.0-11.18), nutrizione parenterale totale (OR 2.69, 95% CI 1.19-6.07) e tracheostomia (OR 1.88, 95% CI 0.84-4.20).
Conclusioni. Le infezioni nosocomiali sono relativamente frequenti nelle ICU del Triveneto. La predominanza di polmoniti e sepsi e l’elevata frequenza di patogeni antibiotico-resistenti indicano la necessità di implementare programmi di controllo di tali infezioni, monitoraggi dell’antibioticoresistenza e del consumo di antibiotici e linee guida di terapia antibiotica.

inizio pagina