Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2001 April;67(4) > Minerva Anestesiologica 2001 April;67(4):320-4

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

MONITORAGGIO  SMART 2001 Freefree

Minerva Anestesiologica 2001 April;67(4):320-4

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il ruolo dell’ecocardiografia transesofagea nel monitoraggio emodinamico intraoperatorio

Guarracino F.

Ospedale Umberto I - Venezia-Mestre Unità di Anestesia e Terapia Intensiva Cardiochirurgica


PDF


L’ecocardiografia transesofagea (TEE) è una tecnica diagnostica seminvasiva che permette la visualizzazione intraoperatoria delle camere e delle valvole cardiache. Viene utilizzata come monitoraggio intraoperatorio soprattutto durante cardiochirurgia e nei pazienti cardiopatici sottoposti a chirurgia maggiore non cardiaca. La TEE permette la valutazione in tempo reale della morfologia e della funzionalià cardiaca, è meno invasiva e di esecuzione più rapida rispetto alla cateterizzazione dell’arteria polmonare e rende possibile la diagnosi eziologica degli eventuali problemi emodinamici. Sulla base dei dati della TEE, l’anestesista è in grado di modificare la terapia infusionale e vasoattiva. Le informazioni che si possono ottenere dalla TEE riguardano: 1) precarico: viene misurata l’area telediastolica ventricolare sinistra, che viene considerata come un indice di riempimento; 2) funzionalità sistolica: viene misurata la frazione di accorciamento circonferenziale, che è correlata alla frazione di eiezione ventricolare; 3) comparsa di ischemia: l’ischemia viene individuata come un’alterazione regionale della cinetica; 4) cause di instabilità emodinamica; 5) controllo del flusso attraverso le anastomosi sovraepatiche durante trapianto di fegato.

inizio pagina