Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2000 December;66(12) > Minerva Anestesiologica 2000 December;66(12):895-9

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIA Freefree

Minerva Anestesiologica 2000 December;66(12):895-9

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Ventilazione domiciliare (La fase extra-ospedaliera)

Antonelli M., Conti G., Pennisi M. A., Arcangeli A., Proietti R.

Policlinico A. Gemelli - Roma Università Cattolica del Sacro Cuore Istituto di Anestesiologia e Rianimazione


PDF


In assenza di controindicazioni di tipo medico o socioeconomico la ventilazione domiciliare è l’opzione di scelta in tutti i casi di impossibilità allo svezzamento completo dal supporto ventilatorio.
La diffusione di ventilatori a pressione positiva di semplice utilizzo, affidabili e di dimensioni contenute sta contribuendo alla diffusione della metodica.
Nella scelta dell’interfaccia paziente/ventilatore la tracheostomia è l’opzione di scelta in caso di pazienti con capacità di ventilazione autonoma ridotta; per tutti gli altri pazienti il perfezionamento degli accessi non invasivi (maschere nasali o naso-bocca) ha rappresentato un notevole progresso. I limiti maggiori alla diffusione della ventilazione domiciliare è tutt’ora rappresentata dalla mancanza di strutture multidisciplinari in grado di fornire l’assistenza sul territorio.
Viene riportata la casistica dei pazienti avviati alla ventilazione domiciliare presso il Policlinico Universitario la Sapienza di Roma.

inizio pagina