Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2000 May;66(5) > Minerva Anestesiologica 2000 May;66(5):403-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

TRACHEOTOMIA PERCUTANEA   Freefree

Minerva Anestesiologica 2000 May;66(5):403-7

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Tracheotomia percutanea (Sviluppo tecnologico)

Frova G., Barozzi O., Concoreggi C., Terenghi P., Tuzzo D.

Spedali Civili - Brescia Dipartimento di Anestesia e Rianimazione


PDF


La tracheotomia percutanea basata sul principio di Seldinger si è sviluppata e perfezionata nell’arco di 30 anni. Vengono brevemente descritte sia le 10 proposte più significative, sia gli obiettivi che le innovazioni proposte si sono prefissati. Viene riportata l’incidenza di complicanze ricavata dalla letteratura, ampia per le metodiche più note e minima o assente per le metodiche più nuove o che hanno avuto applicazione molto ridotta. Vengono brevemente elencate le modificazioni tecnologiche delle tecniche originali, i cui due obiettivi principali sono stati quelli di aumentare la sicurezza e di ridurre la dipendenza della metodica dall’abilità individuale dell’operatore. La sintesi della letteratura permette di concludere che il miglioramento tecnologico di alcune procedure dilatative, con appropriato training ed endoscopia continua consentono oggi di eseguire con successo la tracheotomia percutanea dilatativa con tasso basso di complicanze minori e minimo di complicanze maggiori. Anche se il confronto tra diverse metodiche è ancora insufficiente, la bassa incidenza di complicanze emorragiche e di infezioni dello stoma e il miglior risultato cosmetico sono ampiamente dimostrati e probabilmente legati ai tagli cutanei limitati.

inizio pagina