Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1999 November;65(11) > Minerva Anestesiologica 1999 November;65(11):807-10

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   Freefree

Minerva Anestesiologica 1999 November;65(11):807-10

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Iposodiemia nel paziente neurochirurgico

Bianchi A. 1, Cavallo R. 1, Imeneo M. . 2, Manno E. 1, Riva M. 1, Terragni P. 1, Vacca R. 1

1 Azienda Ospedaliera S. Giovanni Battista - Torino, Dipartimento di Discipline Medico-Chirurgiche; 2 Azienda Ospedaliera S. Giovanni Battista - Torino, II Servizio Universitario di Anestesia e Rianimazione


PDF


Nel caso che verrà qui preso in considerazione, l’iposodiemia ha giocato un ruolo fondamentale nel determinare rapidamente il passaggio dallo stato di coscienza al coma di una paziente di sesso femminile che aveva appena superato la fase critica in terapia intensiva. Tale quadro rende evidente come sia fondamentale il corretto bilancio idrico nel paziente neurochirurgico e l’importanza della conoscenza della sindrome da inappropriata secrezione di ormone antidiuretico (SIADH) responsabile, sola od in associazione, della genesi di una grave iposodiemia. Verrà ricordata, nella diagnosi differenziale delle iposodiemie, anche l’importanza di una sindrome spesso misconosciuta (cerebral salt wasting syndrome) caratterizzata dalla secrezione di un non ancora perfettamente identificato fattore natriuretico.

inizio pagina