Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1999 July-August;65(7-8) > Minerva Anestesiologica 1999 July-August;65(7-8):561-9

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   Freefree

Minerva Anestesiologica 1999 July-August;65(7-8):561-9

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

L’impiego della maschera laringea per il controllo delle vie aeree e le intubazioni difficili in pediatria

Orfei P. 1, Frandina G. 2, Patrizio A. 1, Bigetti E. 1, Nicolucci S. 1, Romualdi R. 1, Galassi A. 1, Pinto G. 1

1 Università degli Studi «La Sapienza» - Roma, Istituto di Anestesiologia e Rianimazione; 2 Università degli Studi «La Sapienza» - Roma, Istituto di Clinica Pediatrica


PDF


La maschera laringea (ML), introdotta negli adulti da Brain nel 1983, è stata ed è tuttora oggetto di continui studi. Essa rappresenta un sistema di ventilazione non invasiva che apporta un cambiamento radicale nella gestione e nella conduzione dell’anestesia. Riportiamo l’uso della ML nella gestione della ventilazione per l’induzione e il mantenimento dell’anestesia generale in un bambino che ha mostrato un difficile controllo delle vie aeree perché presentava alla nascita un voluminoso teratoma in sede orbitale, e in tre bambini affetti da gravi malformazioni maxillo-facciali che mostravano anche una difficoltà nell’intubazione oro-tracheale. Sono riportati 4 casi dove la ML ha permesso un’adeguata ventilazione nelle fasi di induzione dell’anestesia e durante i ripetuti tentativi di posizionamento del tubo oro-tracheale. In un caso si è mostrata efficace per tutta la durata dell’anestesia perché non si è riusciti nella manovra di intubazione tracheale. Concludendo, la ML è da ritenersi strumento indispensabile nell’armamentario dell’anestesista rianimatore anche nell’anestesia del piccolo paziente.

inizio pagina