Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1999 April;65(4) > Minerva Anestesiologica 1999 April;65(4):169-74

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIA Freefree

Minerva Anestesiologica 1999 April;65(4):169-74

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Propofol in the anaesthetic management of percutaneous rhizolysis for trigeminal neuralgia

Cafiero T. 1, Razzino S. 1, Mastronardi P. 2, Cappabiancha P. 3, Alfieri A. 3

1 Anesthesia and Resuscitation Service, San Rocco Hospital, ASL CE/2, Sessa Aurunca; 2 Department of Anesthesia and Resuscitation, University of Naples “Federico II”, Naples; 3 Department of Neurosurgery, University of Naples “Federico II”, Naples


PDF


Obiettivo. Valutare l’efficacia del propofol come unico agente anestetico nel trattamento anestesiologico della rizolisi trigeminale.
Metodi, disegno sperimentale. Gli Autori mostrano, retrospettivamente, la loro esperienza con il P come unico anestetico in 218 procedure di PG o PR.
Ambiente. PG o PR sono state eseguite nella sala operatoria con il paziente sul tavolo operatorio trasformato in sedia (posizione semiseduta) e sono state registrate la PA, l’ECG e la SaO2.
Pazienti. Sono stati studiati 200 pazienti, 115 maschi e 85 femmine, con età media di 62,8±3,6 anni, ASA I, II o III con diversa problematica medica.
Interventi. I pazienti sono stati premedicati con atropina 0,01 mg/kg e.v. 10 min prima dell’induzione anestetica. La dose induttiva di P è stata titolata in base all’età ed alle condizioni cliniche. Dopo l’induzione il chirurgo ha iniziato a posizionare l’ago attraverso il forame ovale nella cisterna trigeminale.
Rilevamenti. Durante entrambe le procedure sono stati valutati la dose media di P, i tempi di induzione e risveglio, gli effetti collaterali, le complicanze e la qualità dell’anestesia. L’analisi statistica dei dati è stata condotta con l’ANOVA per misure ripetute e il test di Bonferroni, considerando significativo il valore di p<0,05.
Risultati. L’anestesia è stata ottenuta con successo con la dose media di 1,9 mg/kg di P durante la PG e di 2,1 mg/kg durante la PR. In tutti i casi sono stati registrati scarsi effetti collaterali ed un rapido tempo di risveglio. Il P ha anche mantenuto una stabilità cardiovascolare adeguata durante la PG e la PR.
Conclusioni. In conclusione il P può essere considerato adatto per questa particolare procedura neurochirurgica che richiede un breve periodo di anestesia ed un rapido recupero onde consentire di comunicare con il chirurgo durante il test senso-riale.

inizio pagina