Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1998 July-August;64(7-8) > Minerva Anestesiologica 1998 July-August;64(7-8):339-43

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI  RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA Freefree

Minerva Anestesiologica 1998 July-August;64(7-8):339-43

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Confronto tra tecniche di ventilazione nell’ARDS. Volume controllato vs volume garantito a regolazione di pressione

Riverso P., Bernardi P. L., Corsa D., Morra M. G., Paganini G., Parigi F.

Presidio Ospedaliero di Sanremo - USL 1 Imperiese, Servizio di Anestesia, Rianimazione e Terapia del Dolore


PDF


Obiettivo. Comparazione degli effetti di una recente metodica di ventilazione meccanica (VGRP) con la ventilazione a volume controllato nel trattamento dell’ARDS.
Disegno sperimentale. Indagine prospettica realizzata nel periodo da marzo 1995 a marzo 1997.
Ambiente. Centro di Rianimazione Ospedale di Sanremo (Imperia).
Pazienti. Sono stati studiati 9 pazienti, sei maschi e tre femmine, di età media 49,2 anni, SAPS medio 35,5, affetti da ARDS da moderata a severa conseguente a patologia di diversa natura.
Interventi. I pazienti sono stati ventilati con respiratori Servo Ventilator 300 (Siemens) dapprima in volume controllato e quindi, mantenendo invariati tutti i parametri ventilatori di base, in volume garantito a regolazione di pressione.
Rilevamenti. Durante i due metodi di ventilazione e dopo 60 minuti di stabilizzazione sono stati rilevati i seguenti parametri: pressione di picco inspiratorio, compliance statica, PaO2, PaCO2, AaDO2, SaO2, oltre ai parametri cardiocircolatori.
Risultati. Con la metodica VGRP si è riscontrata una netta riduzione della pressione di picco ed un miglioramento della compliance, della PaO2 e della SaO2.
Conclusioni. Anche se da questo studio non è possibile trarre conclusioni su differenti morbilità e mortalità dei pazienti trattati con VGRP rispetto al VC, per il miglioramento degli scambi gassosi e della compliance e per la riduzione delle pressioni inspiratorie con minor rischio di barotrauma, possiamo affermare che la VGRP sembra essere la metodica di ventilazione più adatta nel trattamento dell’ARDS.

inizio pagina