Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1998 May;64(5) > Minerva Anestesiologica 1998 May;64(5):209-10

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

SEZIONE IV
MONITORAGGIO, NEURORIANIMAZIONE, TERAPIA DEL VASOSPASMO, OMEOSTASI SISTEMICA  ATTI DELLA VIDEOCONFERENZA - 5 ottobre 1996
EMORRAGIA SUBARACNOIDEA: UN APPROCCIO PLURISPECIALISTICO - II
 Freefree

Minerva Anestesiologica 1998 May;64(5):209-10

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Emorragia subaracnoidea: ipotensione protettiva nella chirurgia dilazionata

Massei R. 1, Tavola M. 1, Mottura G. 1, Ciceri R. 1, Pontiggia M. 2

1 Ospedale - Lecco, 1° Servizio di Anestesia e Rianimazione; 2 Ospedale - Lecco, Divisione di Neurochirurgia


PDF


Nei pazienti con emorragia subaracnoidea è frequente la comparsa di una pressione arteriosa elevata. Questa può essere la causa di un risanguinamento o di un peggioramento dei deficit neurologici dovuto ad aumento del flusso ematico cerebrale e al conseguente aumento della pressione intracranica. Nel controllo della PA si deve evitare una diminuzione della pressione di perfusione cerebrale con conseguente ischemia. Non esistono evidenze che il controllo dell’ipertensione arteriosa diminuisca il rischio del risanguinamento. Nel caso in cui si decidesse di trattare l’aumentata pressione arteriosa, i farmaci di scelta dovrebbero essere gli alfa, beta antagonisti e i barbiturici.

inizio pagina