Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 1998 May;64(5) > Minerva Anestesiologica 1998 May;64(5):203-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

SEZIONE IV
MONITORAGGIO, NEURORIANIMAZIONE, TERAPIA DEL VASOSPASMO, OMEOSTASI SISTEMICA  ATTI DELLA VIDEOCONFERENZA - 5 ottobre 1996
EMORRAGIA SUBARACNOIDEA: UN APPROCCIO PLURISPECIALISTICO - II
 Freefree

Minerva Anestesiologica 1998 May;64(5):203-6

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Uso del TCD nel trattamento intensivo e nella identificazione delle complicanze dell’ESA

Cabrini G. P.

Ospedale Maggiore Policlinico, IRCCS - Milano, Istituto di Neurochirurgia


PDF


Il Doppler transcranico è tuttora l’unica indagine che permette di monitorare l’evoluzione del vasospasmo cerebrale post-ESA in modo non invasivo, al letto del paziente. L’ottima risoluzione temporale di questa tecnica rende possibile seguire le rapide variazioni della velocità di flusso delle arterie endocraniche, e valutare la riserva vasomotoria e la capacità di autoregolazione cerebrale. I risultati del Doppler transcranico nella quantificazione del vasospasmo cerebrale sono sovrapponibili a quelli ottenuti con l’angiografia; non in tutti i casi esiste una stretta correlazione tra i dati velocimetrici e il decorso clinico, e questa discrepanza si potrebbe spiegare col fatto che i dati del Doppler transcranico esprimono la velocità di flusso e non il flusso delle arterie endocraniche.

inizio pagina